Ciak! La Festa È Incominciata

Titolo dello spettacolo

Ciak! La Festa È Incominciata

Autore

Luigi Melesi

Tipologia

Rivista per una festa popolare

Trama

Viene organizzata una festa in cui dei clowns vendono sorrisi giocondi, mefistofelici e a crepapelle. Un regista ed un elettricista si confrontano sul proiettore che non si accende. Un coro canta “Fra Martino campanaro”. Appaiono i Santi più significativi della storia come Sant’Antonio da Padova e Santa Rita da Cascia. Si fanno dei giochi e degli spettacoli per coinvolgere il pubblico e ci si divide in squadre. Alla fine c’è anche un’esaltante corsa di cavalli. Il Parroco dice due paroline sul santo preferito, San Carlo, uno di quegli uomini rari che ha impiegato ingegno e ricchezza nella ricerca e nell’esercizio del meglio.

Personaggi

1. La troupe cinematografica televisiva che opera il collegamento e il montaggio della rivista: IL REGISTA
IL TECNICO LUCI
LA SEGRETARIA
IL DIRETTORE DI GARA LA PRESENTATRICE
IL TECNICO AUDIO
L' OPERATORE
IL MACCHINISTA
2. I clowns, personaggi pittoreschi e invadenti:
CLOWN 1, mercante di maschere.., AUGUSTO
CLOWN 2, socio del n. 1
VITTORIO, il sollevatore pesi
3. «L’Orchestrina» con un minimo di strumenti:
pianoforte o pianola, sax, batteria, chitarra., e chi più ne ha più ne metta. Non deve mancare il Direttore e un Batterista stravagante.
4. “I santi patroni” del paese: persone vive, tramutate in statue di gesso, legno, cartapesta, bronzo.,
S. ANTONIO da Padova S. GIORGIO
S. ANTONIO del porcello S. RITA
5. «I personaggi» sono tanti, ma gli attori potrebbero essere cinque soltanto: ELETTRICISTA
PARROCO
AIUTO ELETTRICISTA
PITTORE
DAMA CELESTINA OSTIARIO FIORAIO BRIGANTE
POSTINO VESCOVO FAUSTO
2 GENDARMI
6. Il «Coro dei Campanari», magari vestiti da frati, o con costume base FRA MARTINO
5 CAMPANARI
5 CAMPANE
7. Il coro dei cantori, con solista
8. La Banda del Contabbio, diretta dal Maestro

Target

Bambini ed adulti.

Valori educativi

per cogliere il valore educativo del testo, vogliamo citare parte dell’introduzione curata dagli autori della rivista di Espressione Giovani dove si dice: “vi proponiamo una «RIVISTA» teatrale, ideata e montata dal Luigi [ndr Luigi Melesi], fatta di musica, canti, scenette, giochi e molta allegria...se vi riesce «fare allegria». Adatta per una festa di paese, quartiere, parrocchia, oratorio, scuola, colonia estiva...La Rivista è un genere di spettacolo popolare che ha goduto molta simpatia nelle serate comunitarie. E questo anche a dispetto delle smorfie e delle critiche dei puristi”. In una parola l’allegria è il valore educativo espresso dal testo, allegria per chi fruirà dello spettacolo finale, ma allegria, gioco, divertimento anche per coloro che si cimenterannno nel “gioco teatrale”.