Serapio e Erbabuona

Titolo dello spettacolo

Serapio e Erbabuona

Autore

Jorge Diaz

Tipologia

Fiaba

Trama

Secondo l’autore questo testo contiene il rispetto e la tenerezza per le cose umili e per i bambini che incominciano a scoprire il senso della vita. Erbabuona è un asino affabile e curioso che può mangiare, a causa di una allergia, solo erba menta. Come dice lei non è facile trovare erba menta: “Peccato che non rimane erba buona da nessuna parte! Da quando il sole non scalda si son seccate le piante”. E’ costretto a girare con gli occhi bendati attorno ad un pozzo fino all’arrivo dell’angelo spazzacamino Serapio di cui diverrà grande amico. Lo descrive così: “Dato che è un angelo non sta con i piedi per terra e ha sempre la testa fra le nuvole, ma è una buona persona”. L’incontro con Serapio cambierà il suo destino.

Personaggi

ARCADIO, un angelo fuoricampo
SERAPIO, l’angelo spazzacamino
SAN BOMBA, il vigile
ERBABUONA, l’asino
COMMENDATOR ECCETERA, vecchio avaro
MECHITA, bambina simpatica
LUCREZIA, la gallina

Target

Bambini ed adulti che vogliono ritornare bambini.

Valori educativi

Come accennato nel soggetto, il valore presente nel testo, non si limita unicamente all’esercizio tipico delle fiabe, che invocano la semplicità e la purezza per essere viste e conosciute intimamente, ma la fiaba è un percorso sulle piccole cose, la strada dei piccoli per arrivare al cielo. In questo caso, la fiaba, non intende per piccoli i bambini, ma proprio uno sguardo nuovo sulla realtà che da importanza alle piccole cose. Chiaramente il tutto viene reso anche per contrasto con chi normalmente crede di detenere il potere. L’angelo decide di stare sulla terra, come il vero luogo della sacralità. Alla fine del testo, gli autori, hanno elaborato due domande per un approfondimento chiamato: Operazione-ricerca..